DIFFICOLTA' E PROBLEMI RELAZIONALI

Difficoltà nelle relazioni quotidiane

Al giorno d'oggi, sempre più persone vivono quotidianamente problemi e difficoltà nelle relazioni in ambiente familiare (incomprensioni con i propri partner, difficoltà di relazione con i bambini) e negli ambienti sociali o lavorativi. Tutti noi vorremmo invece mantenere una relazione distesa con gli altri e avere una famiglia felice.

Sfortunatamente, per vari motivi, sia in famiglia che nella vita quotidiana di lavoro e con gli altri, tutti possiamo sentirci ansiosi, nervosi, risentiti, gelosi, incompresi, arrabbiati, confusi tra ruoli e competenze. Nel tempo, giorno dopo giorno, tutto questo diventa "normale" e alla fine viene accettato.

Il desiderio di fare cambiamenti in meglio e la determinazione a raggiungere la felicità sono lo stimolo necessario per iniziare il percorso di cura, il cui scopo è far stare bene se stessi e gli altri, e quindi creare un'atmosfera serena nella propria famiglia.

Il compito dello psicologo è quello di accompagnare le persone a creare un modello di relazione stabile, che verrà ripetuto continuamente per far sì che giochi un ruolo determinante nel raggiungimento del benessere e della serenità.

La qualità delle nostre relazioni è vitale per la nostra felicità.

 

Difficoltà di relazione tra i membri della famiglia

Sulla base di questa rapida introduzione, è facile capire quanto sia difficile e per niente naturale mantenere l'equilibrio del sistema familiare. Le difficoltà quotidiane, l'evoluzione personale, i cambiamenti della vita individuale e le esigenze di un sistema in evoluzione sono tutti esempi di fragilità naturale che il sistema familiare può e deve affrontare. I cambiamenti nel lavoro, lo stress quotidiano, la morte di uno dei genitori della famiglia di origine e i cambiamenti nei bisogni del bambino sono solo una parte di una serie di innumerevoli eventi che possono causare difficoltà nei rapporti all'interno della famiglia. La struttura familiare ha e deve avere una tendenza naturale stabile per non perdere in nessun caso i suoi punti di riferimento.

Il rapporto conflittuale tra genitori e figli

L'interazione tra genitori e figli può incontrare diverse difficoltà, a seconda delle varie fasi del ciclo di vita della famiglia, che attraversano la nascita e la cura del bambino, l'età scolare, l'adolescenza e l'età adulta. In ognuno di questi momenti, l'equilibrio deve essere rinegoziato. È difficile fare un ragionamento esauriente che copra tutti gli aspetti. Basti pensare che la complessità è composta dagli aspetti trasversali che coinvolgono tutte le famiglie in un determinato momento e dagli aspetti particolari che coinvolgono la singola famiglia in modo specifico: ad esempio, la nascita di un bambino influenzerà sempre il cambio di equilibrio, ma la modalità di espressione del nuovo equilibrio può dipendere dalla situazione dei genitori, da come si muovono, da come i bambini interagiscono successivamente, da eventuali problemi di salute, dal modo in cui la famiglia di origine interagisce o meno con la famiglia appena creata.

Difficoltà interpersonali nelle famiglie con figli adolescenti

Di solito, l'adolescenza è una fase piena di cambiamenti fisici, emotivi e relazionali. Come suggerisce il nome, i ragazzi adolescenti esprimono la necessità di riorganizzarsi per sostenere se stessi e la loro crescita. È necessario modificare continuamente i legami e le interazioni in un processo molto impegnativo, che deve anche fare i conti con eventi della vita quotidiana più o meno prevedibili. Da un lato, i ragazzi sperimentano se stessi, i propri desideri e la capacità di prendere decisioni in modo indipendente negoziando nuovi spazi e nuovi modi. D'altra parte, i genitori devono rivedere i loro ruoli e il modo di interagire come genitori e coppie. Il delicato equilibrio tra la pressione per mantenere i legami e la pressione per differenziarsi sarà fatto di progresso e regresso, di fronte a queste sfide, potrebbe essere difficile riorganizzare le regole.

 

Come gli psicologi possono aiutare a risolvere problemi e difficoltà relazionali

Gli psicologi possono supportare la comprensione della natura dei problemi e delle difficoltà relazionali, così come il supporto per l'attivazione delle risorse, per scoprire nuovi modi per renderle più coerenti con il benessere soggettivo.

Lo psicologo può esser visto come una risorsa per sostenere la famiglia nello sviluppo attraverso il suo cammino: può aiutare a ricostruire legami, spiegare il dolore o migliorare le regole di negoziazione. Egli non fornisce un'unica soluzione efficace a varie situazioni, ma supporta gli individui, le coppie o le famiglie a stabilire priorità negoziate e condivise per aiutarle a trovare un miglior senso di crescita nel rispetto dei bisogni degli individui e delle famiglie e del sistema stesso.

Questa terapia è favorevole alla ricerca di modi nuovi e più funzionali per ascoltarsi l'un l'altro ed esprimere la possibilità dei bisogni personali. Lo scopo dell'intervento terapeutico non è solo quello di risolvere i problemi o i conflitti sollevati dalla famiglia, ma anche quello di migliorare il benessere psicologico e fisiologico di ciascun membro della famiglia, che è favorevole ad aumentare la differenziazione di sé rispetto agli altri.

La terapia è consigliata per:

  • Disturbi alimentari psicologici (anoressia e bulimia);
  • Stress e contrasto sul lavoro;
  • Problemi personali col partner e la famiglia;
  • Problemi di relazione quotidiana;
  • Disturbi dell’adolescenza (problemi sociali, psicosi, disturbi alimentari, ecc.);
  • L'intera famiglia, quando vive una crisi e soffre per vari motivi (ad esempio: separazione, lutto, difficoltà finanziarie o lavorative, ecc.);
  • Consulenze familiari con minori in adozione o affidamento;
  • Consulenze a Coppie in attesa di adozione.

DOVE SONO

Viale Partenope, 12 - 00177 Roma